Orario di apertura:
da lunedì a venerdì
8.00 - 12.30 e 14.00 - 18.00

Esperienza, professionalità e flessibilità a servizio dei nostri clienti

Ultime News

NOVITA' FISCALI DEL DECRETO LEGGE COLLEGATO AL DEF 2017 (cd. "Manovra correttiva" 2017)


Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge relativo al DEF 2017 (che ora dovrà essere approvato dalle Camere per entrare in vigore) che dispone alcune misure urgenti in materia fiscale, finanziaria e tributaria.

Di seguito si propongono le novità più importanti:  

SPLIT PAYMENT

A partire dal 01 luglio 2017 si estende l’ambito di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti dell’IVA (c.d. split payment) anche alle operazioni effettuate nei confronti di altri soggetti che, finora hanno sempre pagato l’imposta ai loro fornitori secondo le regole generali. In particolare, l’estensione riguarda tutte le amministrazioni (gli enti ed i soggetti inclusi nel conto consolidato della Pubblica Amministrazione, le società controllate direttamente o indirettamente dallo Stato, di diritto o di fatto, le società controllate di diritto direttamente dagli enti pubblici territoriali, le società quotate inserite nell’indice FTSE MIB della Borsa italiana) e i liberi professionisti.

LIMITI PER LE COMPENSAZIONI FISCALI

Vengono introdotte norme più stringenti sugli utilizzi in compensazione dei crediti di imposta (compresi crediti per l'IVA). Si riduce dagli attuali 15.000 euro a 5.000 euro il limite massimo per l'utilizzo in compensazione dei crediti d'imposta senza l’apposizione del visto di conformità del professionista (o sottoscrizione alternativa del revisore legale) sulla dichiarazione da cui emergono. Se le compensazioni sono effettuate al di sopra del detto limite senza il visto di conformità o senza la sottoscrizione alternativa, oppure se questi sono stati apposti da soggetti non abilitati, l'Amministrazione finanziaria procederà al recupero dei crediti usati in difformità dalle regole, oltre al recupero degli interessi e alla irrogazione di sanzioni.

NUOVO LIMITE PER LA DETRAZIONE DELL'IVA SUGLI ACQUISTI

Il DEF 2017, così come approvato dal Consiglio dei ministri, cambierebbe l’articolo 19, comma I del DPR 633/72 relativamente ai termini per la detrazione dell'IVA sugli acquisti, cui testo attualmente ancora in vigore dispone che:

“Il diritto alla detrazione dell’imposta relativa ai beni e servizi acquistati o importati sorge nel momento in cui l’imposta diviene esigibile e può essere esercitato, al più tardi, con la dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto alla detrazione è sorto ed alle condizioni esistenti al momento della nascita del diritto medesimo.”

La novità contenuta nel DEF, invece, prevede che l’IVA, dal momento in cui diventa esigibile, come disposto dall'art. 6 del DPR 633/72, potrà essere detratta esclusivamente entro l’anno, o più precisamente “con la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto”.

Se fosse approvata dalle Camere allo stato attuale, questa novità andrebbe a penalizzare le imprese fin da subito. Per fare un esempio pratico, mettiamo il caso di una fattura di acquisto emessa nel 2016 che non sia stata registrata (e quindi l'IVA non portata in detrazione) nel 2016. Con l’attuale normativa è possibile detrarre l'IVA relativa a questa fattura entro aprile 2019 (il termine di presentazione della dichiarazione IVA del secondo anno successivo al 2016). A seguito dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni, l’IVA a credito sulla fattura potrà essere detratta entro il termine del 28 febbraio 2017.

RIDETERMINAZIONE BASE ACE

Si modificano le modalità di determinazione della base di riferimento su cui calcolare il rendimento nozionale ai fini ACE, per la quale si prevede il progressivo abbandono del criterio incrementale su base fissa.

DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE CONTROVERSIE TRIBUTARIE

Viene prevista la possibilità di definire le controversie rientranti nella giurisdizione tributaria in cui è parte l’Agenzia delle entrate, mediante il pagamento degli importi contestati con l’atto impugnato e degli interessi da ritardata iscrizione a ruolo, al netto delle sanzioni e degli interessi di mora (la richiesta di definizione deve essere presentata entro il 30 settembre 2017).

14/04/2017